Osvaldo nudo… copre il meglio!

Oggi è giovedì, da oggi circola questa foto, Osvaldo è gnocco… quindi non ho potuto non pubblicarla. Anche solo per ricordare il “giovedì gnocchi” o per dovere di cronaca.

Ché poi anche se sei ricco e famoso… i selfie da coglione sexy davanti allo specchio te li fai ugualmente.. e magari poi li invii pure!

Gli scatti proibiti di Daniel Osvaldo pubblicati su Twitter

Gli scatti proibiti di Daniel Osvaldo pubblicati su Twitter

Osvà, mo che c’eri, potevi lasciare tutto in bella vista… che fai, copri la parte migliore! Non si fa.

Ok, non sarà un post prettamente calcistico di tecnica e gioco… ma siamo a fine campionato. Come gli ultimi giorni di scuola, ci si rilassa…

L’Italia di Conte fa imprecare tutti… anche Trapattoni

Come si dice: “In Italia ci sono circa 50milioni di commissari tecnici”. Uno meglio di Conte non si trovava?

Ieri sera ho visto la partita dell’Italia (ammetto pubblicamente questo mio errore), distesa sul letto e con il cellulare in mano. Devo dirvi che i commenti su Twitter erano più divertenti delle azioni della squadra e più tecnici di quelli di Trapattoni.

Ecco, se devo pensare che mi tocca guardare a giugno la nazionale – perché tanto a luglio non ci arriva – commentata dal Trap, piuttosto preferisco guardare uno che vomita in un vicolo. Oh, dite quello che vi pare, ma a me non piace!

Onestamente saprei fare di meglio anche io. Il suo vocabolario, se togliano le imprecazioni e i suggerimenti che fa alla squadra come se fosse a bordo campo o come quelli che guadano i film e urlano: “Attento, l’assassino è dietro di te!!” (guarda che non ti sente), si limita a ripetere “oh”, “ah”, “molto bene”, “bene”, “bravo”, “attento”. Sembra più la telecronaca di un rapporto sessuale, che quello di una partita. Insomma, a ‘na certa, è ora di ritirarsi a vita privata… suvvia!

IMG_20160330_152619

Per quanto riguarda il gioco, le scelte di Conte e le 4 pere che Buffon, oramai da tradizione riporta da Monaco (è record), lascio la parola a voi. Potrei scrivere cose che mi costerebbero un’accusa di vilipendio per la “sacralità della nazionale di calcio”.
Faccio solo tre nomi: Montolivo, Thiago Motta e Giaccherini… ma si può giocare con Giaccherini? Va be’ che è il cocco di Conte, ma glielo hanno spiegato che non deve organizzare una comitiva di amici per passare l’estate in Francia prima di iniziare il nuovo lavoro in Inghilterra?!

Ok, i giocatori sono quello che sono… ma un pochino meglio non si può fare? Forse è tutta una tattica per abbassare le aspettative come successe prima del mondiale 2014… aspettative mantenute basse anche durante il torneo.

Mauro e Wanda stampati sul letto…

Mauro Icardi, giocatore dell’Inter per chi non lo sapesse, ieri, per augurare la buona notte ha postato su Twitter questa sobrissima foto della compagna Wanda Nara.

A me, essendo donna, è saltato all’occhio un particolare al quanto inquietante, che a molti sarà sfuggito: le iniziali dei due “M e W” stampate sulla testa del letto. Una cosina decisamente delicata e poco autoreferenziale. Non potevo non condividerla con voi…
Magari le lettere gli servono per ricordare i loro nomi mentre sono a letto!

latob_wanda

Avvertenza per gli uomini che leggeranno il post: vi assicuro che se guardate bene si vedono due lettere dell’alfabeto stampate sulla testata del letto… proprio lì, accanto alle tette di Wanda. Lo so che è difficile, ma provate a individuarle…

Più che del pallone… mi seguono gli amanti delle bocce

Una cerca di parlare decentemente di calcio, in modo divertente e anche con qualche nozione giusta e poi… invece di essere seguita su Twitter da qualche giornalista sportivo o da un qualsiasi calciatore, anche un panchinaro di terza categoria… scopre che il suo nuovo follower è “Seno nudo: le migliori immagini di seni nudi selezionate dagli utenti!”. Mica delle tette qualunque… questo va sottolineato!

20151104_121925

Ché poi io dico… almeno fossero stati piselli nudi… se ne poteva pure parlare! Ma che ci faccio con le tette delle altre, ho già le mie.

Il mio progetto comunicativo per il blog non sta andando nel verso giusto!

Chiedi anche tu a Lotito di spostare qualcosa che non ti va di fare…

Nel mondo del web in queste ore impazza l’hashtag #lotitospostaeventi, dopo che il presidente della Lazio, Claudio Lotito, ha fatto spostare il derby con la Roma a lunedì alle 18. Il motivo? Domani la Lazio gioca la finale di Tim Cup contro la Juventus e quindi rigiocare domenica era troppo presto.
Bah, generalmente, in tutta Europa, chi gioca le coppe il mercoledì, rigioca tranquillamente anche la domenica… ma questo è un altro discorso! Il potere di Lotito in Lega calcio è smisurato, ma non voglio parlare di questo, mi verrebbe solo in sangue amaro e non ho voglia.

#lotitospostaeventi

Voglio parlare dell’hashtag #lotitospostaeventi… queste sono alcune richieste fatte a Lotito e apparse su Twitter:
Continua a leggere

Sono entrata nel vortice del second screen

È ufficiale sono entrata anche io nella moda del second screening. Ora mi spiego meglio, per chi non sa di cosa sto parlando. Non è una malattia o un capo di abbigliamento, è soltanto il “secondo schermo”, cioè la pratica di guardare un programma o una partita in tivù e contemporaneamente commentare sui social media, in particolare su Twitter, quanto si sta guardando. Due schermi a disposizione: tivù e smartphone.

second-screen

Io entro in questo vortice durante le partite di calcio. Mi diverto a leggere i commenti degli altri tifosi e soprattutto mi diverto, forse anche di più, a scrivere scemate e battute sulla partita che sto guardando.
Vi assicuro che in alcuni casi è un passatempo che ti tiene sveglia davanti a partite decisamente soporifere. Continua a leggere

Ogni maledetta domenica (ma anche di sabato il Milan non scherza)

Seguire il Milan è una passione… ma nel senso cristiano del termine. Anzi, più che una passione, è una flagellazione, una vera punizione. Tra un po’ le mamme diranno ai bambini: “Se non la smetti di fare i capricci ti faccio vedere una partita del Milan”.

Al-Pacino

Io ogni (maledetta) domenica – o sabato che sia – mi metto a guadare il Milan con le migliori intenzioni e con quella flebile, perché è diventata flebile, speranza che possa giocare una partita decente. Oramai non ricordo a memoria una partita degna di essere chiamata con questo nome. Forse quella con la Lazio, quella col Parma… ma boh, sembrano passati anni luce. Continua a leggere

Il primo amore non si scorda mai…

frey

Ok, oggi ho avuto 4 minuti da adolescente cretina. Mi sono entusiasmata e ho iniziato a saltellare sulla sedia quando ho visto la notifica di Twitter. Ho commentato una foto di Sebastien Frey e lui…. nientepopodimenoche mi ha messo tra i preferiti! Cioè oggi sono tra i “preferiti” di Frey. Vi rendete contoooo! Non sono ironica, sono entusiasta davvero.

Voi fedeli lettori del blog non lo sapete, perché ancora non ne ho mai parlato (le questioni di cuore per me sono difficili da scrivere), ma Frey è il mio grande amore.

E’ dal 2000 che ha rapito il mio cuore. Da quando giocava con l’Inter. Sono una sua fangirl scatenata. L’ho inseguito, incontrato, baciato e fotografato. Dormo con le sue maglie e ho persino chiamato il mio cane come lui. Sì, il mio cane di chiama Frey… (oh, ognuno sceglie il nome che vuole).
Posso far commenti e apprezzamenti su altri giocatori fighi (alla fine se sono fighi sono fighi), ma Frey resterà l’unico amore calcistico della mia vita. Un giorno vi racconterà tutta la “nostra storia” e quando ci siamo incontrati.

Quindi oggi, quando “ha preferito” il mio commento potete capire il mio entusiasmo alle stelle…
Ok, i 4 minuti da fan scatenata sono finiti, torno a fare la persona seria (più o meno), ma ora il mio mondo è decisamente migliorato.

 

Tutte le #veritàprandelliane

prandelli_chiellini

Cesare Prandelli ha deciso di non applicare il codice etico a Giorgio Chiellini, dopo la gomitata a Pjanic e le tre giornate di squalifica che gli sono state inflitte. Questa decisione sta facendo molto discutere, soprattutto sul web.  “Ho visto e rivisto l’azione di Chiellini: per me non è un gesto violento”, ha dichiarato il ct della nazionale. Ma dai… su… mica ci crederai davvero a quello che hai detto?!
Dopo queste parole, un po’ se l’è cercata, sul social network si è scatenata l’ironia con la creazione dell’hasthag #veritàprandelliane. Ecco alcuni dei tweet più divertenti (non potevo non parlarne):

Prandelli: non credo che il bacio di Giuda fosse voluto #veritaprandelliane

Prandelli: Ho visto il replay e in realtà la sassata di Caino ad Abele era un tentativo di pettinargli i capelli #veritàprandelliane

Prandelli su Diabolik: “Dalle immagini a circuito chiuso è lampante che quello in tuta nera sia un mimo” #veritàprandelliane

Prandelli: Rivedendo i film di Fantozzi mi sono convinta che la figlia fosse una bella regazzetta! #veritáprandelliane

Prandelli: E’ stato Gesù insieme agli Apostoli a tradire Giuda #veritaprandelliane

Prandelli: Escludo per Kennedy che si trattasse di proiettile ma di semplice moscerino… #veritàprandelliane

Prandelli: L’attentato alle Torri Gemelle non mi è sembrato violento #veritàprandelliane

Prandelli: Lo tsunami in Giappone non è stato così violento #veritàprandelliane

Prandelli: Quello dell’iceberg sul Titanic era solo un blocco col corpo #veritàprandelliane

Prandelli: Il DC9 di Ustica finì la benzina! #veritàprandelliane

Prandelli: A rivederlo bene, il gol di Maradona all’Inghilterra a Mexico86 era regolare. E’ la palla che e’ sbattuta sul pugno. #veritaprandelliane

Prandelli: vista al rallenty si evince inequivocabilmente che è stato Destro e non Chiellini a colpire Pianjc #veritaprandelliane

Prandelli: Pitagora di schemi non ne sapeva una cippa #veritaprandelliane

Prandelli: Babbo Natale esiste. #veritaprandelliane

Prandelli: Sulla pasta con il tonno ci va il parmigiano #veritaprandelliane