La sconfitta non giustifica la maleducazione

Mancini dopo aver risposto in modo così Lord a Mikaela Calcagno‬, in Inghilterra può allenare? Sessismo a go-go. 

Ma non è la prima volta. La conduttrice di Mediaset Premium Mikaela Calcagno, suo malgrado, è sempre più spesso nel mirino degli allenatori: Mancini, Mihajlovic e Allegri le hanno tutti dato risposte piuttosto acide e piccate, per non dire maleducate. Ma lei, con grande professionalità, ha sempre conservato stile e calma. E alla fine, la brutta figura l’hanno fatta gli allenatori.

Visto che la cosa si ripete spesso, l’Unione Stampa Sportiva Italiana è intervenuta sulla vicenda, stigmatizzando il comportamento di Mancini e degli altri tecnici e chiedendo: “un incontro urgente al presidente dell’Associazione Italiana Allenatori, Renzo Ulivieri, per affrontare il problema e riportare il dialogo tra le parti su un piano di reciproco rispetto e civiltà”.

Io mi chiedo: se fosse stato un uomo, le avrebbero risposto allo stesso modo? Forse sì, forse no. La cosa mi dà al quanto sui nervi, perché sento puzza di sessismo puro. Rispondere ai giornalisti fa parte del lavoro, considerando anche che le tivù versano diversi milioni di euro alle squadre. Euro che servono per comprare i giocatori e per pagare il loro “misero” stipendio. Ricordatevelo, cari!

Comunque, grande serata e grande partita. Lo so che è uno scontro tra poveri, come un mio amico mi ha ricordato… ma qui bisogna accontentarsi. Le gioie sono poche!

Annunci

Per riassumere…

La questione Sarri-Mancini la riassumerei così: Sarri ha sbagliato, però in campo si sente di peggio. Tipo: “passala a Montolivo” (cit.)
#‎sarrimancini‬

Non sarà il principe della difesa… ma è solo colpa di Ranocchia?

Oggi tutti se la prendono con Andrea Ranocchia, il centrale dell’Inter, per essersi perso in un modo imbarazzante Higuain al 93esimo e aver facilitato (è quasi un eufemismo) il gol del Napoli.

ranocchia

Voglio però difendere, l’indifendibile difensore Ranocchia: sarà perché è delle mie parti, sarà perché ha la faccia e il comportamento del bravo ragazzo, sarà perché la sua fidanzata andava a scuola con mia sorella o forse semplicemente perché non tifo Inter e quindi non sono amareggiata e delusa.

E’ vero, ultimante, Ranocchia fa sembrare Bonera, Franco Baresi, ma è tutto il gioco dell’Inter che non funziona, che fa acqua. Una squadra di serie A (che si rispetti) non può prendere gol nel recupero su rimessa laterale. Nemmeno in Prima divisione! Continua a leggere

Più che calciomercato è stato… un “ritorno dal mercato”

Oh, alla fine tornano tutti. Quello che si è concluso ieri più che un calciomercato è stato un ritorno dal mercato. A far concorrenza a Lassie che torna a casa, a Jude Law che ritorna a Cold Mountain e a Michael J. Fox che ritorna dal futuro, ci sono svariati giocatori… Insomma, calciomercato II-Il ritorno.

calciomercato

Gilardino è tornato alla Fiorentina, Matri alla Juventus – non poteva stare tanto a lungo lontano da Allegri – Borriello al Genoa e Antonelli al Milan, dove aveva iniziato la sua carriera.

Per non parlare di Santon, che è stato costretto addirittura a tornare all’Inter: lo hanno preso per un orecchio e riportato di peso a Milano. Povero ragazzo!
Ci sono anche stati i rientri in Italia – e poi dicono che per lavorare bisogna emigrare all’estero – di: Cerci, Eto’o, Bocchetti e, dalla Cina con furore, persino di Diamanti. Mancini poi è tornato all’Inter e Zola al Cagliari. Fossi stata in loro ci avrei pensato un po’ meglio prima…

Tutti puntano su usati più o meno garantiti o in fase di rottamazione: ma si sa, quando i soldi sono pochi si prende quello che avanza e quindi tutti a mangiare minestre riscaldate.
Potremmo definirlo un mercato vintage (o un mercatino come ha scritto la Gazzetta dello Sport) per un campionato, ahimè, sempre più povero e triste!

1, 2, 3… sorpresa! (dal gol di Gomez alla corsa di Pirlo: chi se lo aspettava)

Si incomincia già a pensare ai regali di Natale, ma oggi più che di regali voglio parlarvi di sorprese. Per la precisione delle sorprese che ha regalato questo weekend calcistico… Voi non ci credete ma ce ne sono state diverse.

1, 2, 3… sorpresa!

surprise

Mario Gomez torna a segnare dopo 259 giorni. Il prossimo gol è previsto per agosto

Pirlo segna e festeggia correndo. Erano 10 anni che non correva così veloce in un campo di calcio

Il Milan non prende nessun gol. Anche con Bonera e Mexes in difesa (già si grida al miracolo)

Bruno Peres, uno con un nome da cantante pop sudamericano, fa un gol da leggenda correndo un coast to coast degno del miglior Forrest Gump
(Evra ancora lo sta cercando: “Dov’è Peres?”, “Ma chi quello di Pechino Express?”)

Il Sassuolo zitto zitto ha superato l’Inter in classifica. Unica nota stonata della squadra è l’inno cantato da Nek (cambiatelo)

L’Inter torna a casa con quattro pizze. Per il pranzo di oggi sono a posto (qui la sorpresa non è poi così grande)

Il Genoa è terzo, anche grazie ai gol di Matri. Cioè… Matri! Avete capito bene, che al Milan non segnava nemmeno a porta vuota. L’unico che crede in lui come goleador (dopo Allegri) è mio padre che tutti gli anni lo compra al fantacalcio. Vuoi vedé che quest’anno c’ha visto giusto…

La Roma umilia l’Inter e Mancini. Della serie… pensavo che vinceva ma non così!

 

 

Toglietemi tutto… ma non la mia sciarpa

Roberto Mancini, l’uomo dalle mille sciarpine. Squadra che va… sciarpa a righe che mette. Il suo motto è: “toglietemi tutto, ma non la mia sciarpa“. Non lo sapevate?!

Ecco la sua collezione al completo… Fiorentina, Inter, Galatasaray, Lazio, Manchester City. Una per ogni occasione.

download inter-fiorentina_1749070_550x413  mancini1

roberto-mancini9  roberto-mancini  mancini_city

 

Oggi che torna all’Inter dovrà ritirare fuori quella nerazzurra… Che dire: ben tornati tu e la tua sciarpina. Sentivamo proprio la vostra mancanza…

In una galassia sconosciuta Mazzarri allenava l’Inter…

intersellar

INTERstellar presto al cinema.

Trama:

In una galassia sconosciuta Walter Mazzarri è l’allenatore del pianeta l’Inter. Ma le cose non vanno per il verso giusto. Non riesce a far decollare il pianeta, chi dovrebbe sostenerlo lo fischia, e lui cerca di combattere tutti con la sua arma vincete “le mille scuse”. Il pianeta infatti è inondato da piogge torrenziali, da uomini che non sanno che fare e da stelle avverse, anche se le stelle in quel pianeta non ci sono.

Purtroppo però “le mille scuse” non stanno funzionando e il capo supremo dell’INTERstellar prende la decisione tanto attesa: per salvare il suo pianeta deve affidarsi a un altro uomo. Arriva così, armato di sciarpina nerazzurra e di ciuffo ribelle: Roberto Mancini. L’uomo che tenterà di portare il mondo interista in una nuova realtà, nella quinta dimensione, dove anche i tifosi nerazzurri potranno vedere una squadra giocare a calcio.

Riuscirà Mancini da Jesi in quest’impresa impossibile? E il povero Mazzarri che fine farà? Verrà mandato nella lontana galassia ad allenare una squadra di alieni? Che poi alla fine… è un po’ come continuare ad allenare l’Inter.