…e se Conte floppasse al Chelsea?

Un po’ sono contenta… chissà se Antoniuccio vostro riuscirà a mangiare le castagne o qualunque cosa mangino in autunno a Londra!

Conte_Chelsea

La classifica della Premier League

Annunci

Dopo il Leicester… ora tutto è possibile!

Da ieri sera tutti parlano e festeggiano il Leicester (che poi di preciso, dove si trova?) che è diventato campione della Premier League, sotto la giuda di Claudio Ranieri. W Ranieri!

tifosi-leicester-776869

La squadra di provincia che surclassa le avversarie pluripremiate. Davide che sconfigge “le Golie” (Chelsea, Tottenham, Manchester Utd, Arsenal, Manchester City e Liverpool), la favola che diventa realtà, la bruttina della classe che sposa un super figo, Kate Middleton che diventerà regina.

Ora la frase “quel gran culo di Cenerentola” (citazione dal film Pretty Woman) potrà essere cambiata con “quel gran culo di Ranieri” anche se, in questo caso, oltre alla fortuna c’è molto di più.

cenerentola-walt-disney_3

Faccio notare il blu del vestito che è uguale al blu della maglia del Leicester

Comunque io credo nelle favole e questa vittoria mi fa sperare che ora tutto è possibile…

Continua a leggere

Mourinho e le “sue regole” del calcio…

Va bene, lo ammetto pubblicamente: io Mourinho lo odio. La sua arroganza mi sta sulle palle (ecco, l’ho detto!), non mi va giù a distanza di anni il triplete dell’Inter e la sua aria da “sono il re del mondo”, oh… proprio non la sopporto. Gli vorrei ricordare che chi urlava “sono il re del mondo” ha fatto una brutta fine. Così, giusto per dovere di cronaca!

L’ultima sua performance, che aumenta il suo essere indisponente e irritante come la sabbia nel letto, è la vicenda, prettamente maschilista, legata alla dottoressa del Chelsea, Eva Carneiro, messa alla gogna, e allontanata dalla squadra, perché è entrata in campo a soccorrere un giocatore infortunato.
Secondo Mourinho non occorreva l’intervento medico, che ha lasciato la squadra in 9 (il giocatore soccorso è obbligato a lasciare il campo e il Chelsea già giocava in 10).

Carneiro_1_3402381a

L’ha accusata di non conoscere le regole del calcio – in quando donna (forse). Mi chiedo se avrebbe fatto una simile sparata, se il medico fosse stato uomo – perché, ovviamente, una donna con tanto di laurea non può apprendere quelle quattro regole pallonare. Le ha imparate persino Cassano… ma una donna, no… non sia mai!

Si potrebbe anche fare un appello: se conosci le regole di calcio meglio di quelle mediche puoi fare il medico al Chelsea… quasi quasi mando il curriculum e me ne vado a Londra.

Oggi però arrivano le immagini che smentiscono il “Grande Allenatore”… e forse è lui quello che non conosce le regole di calcio. Dalle immagini si vede che è l’arbitro a chiamare l’intervento della dottoressa, e da regolamento, se il direttore di gara chiama, perché ritiene che il giocatore ha bisogno, il medico deve entrare in campo.

In un mondo delle favole, sarebbe Mourinho, ora, a dover lasciare il Chelsea o come minimo a scusarsi pubblicamente con la dottoressa Carneiro… ma io non sono la Sirenetta e non sto per baciare il principe…

Quanti anni hai, stasera?!

Samuel Eto’o

Samuel Eto’o

“Quanti anni hai, stasera… quanti me ne dai, bambina” cantava Vasco Rossi. Questa strofa calza a pennello con le ultime vicende anagrafiche dei calciatori, che pur di giocare, si abbassano l’età.

Ma quelle non erano le attrici? Che dopo gli anta hanno un’età indefinita?!
Questa moda c’è anche nel calcio, basta pensare all’ultimo caso che ha visto protagonista Joseph Marie Minala, il giocatore della Lazio, che per qualcuno avrebbe 42 anni. Dal Senegal infatti, era arrivata la voce: “Ho 42 anni, non 17”, parole attribuite dal portale Senego.net al calciatore stesso. Ma la smentita è prontamente arrivata a confermare la data di nascita presente sul passaporto. I dubbi comunque restano, perché a vederlo non sembra proprio un diciassettenne.
Poi ci sono stati i dubbi di Mourinho sull’età di Eto’o: “Non ha 32 anni, forse 35 anni”. Dubbi alimentati anche dalle parole dell’ex fidanzata del calciatore: “ha più di 39 anni, perché è nato nel 1974 ed è evidentissimo che sia più vecchio dell’età che aveva detto di avere la prima volta che arrivò in Europa”. Anche qui la vicenda resta nebulosa.

In passato c’erano stati altri casi come questi. Chi non ricorda il brasiliano Luciano, che arrivato al Chievo dicendo di chiamarsi Eriberto e di essere 4 anni più giovane di quanto poi si è scoperto, o la lunghissima vita calcistica di Taribo West, ex difensore di Inter e Milan. Quest’ultimo, quando andò a giocare a Belgrado nel 2002, diceva di avere 28 anni, ma si scoprì poi che di anni ne aveva 40.

E poi dicono delle donne…?! Questi calciatori sono sempre più vanitosi…

Joseph Marie Minala

Joseph Marie Minala