Gnocchi del giovedì… nostrani #Ivano F

Quello di oggi è uno gnocco decisamente particolare. Ivano F non ha mandato una foto, ma un racconto molto bello. Un’idea alternativa, che ho pensato di pubblicare per salutare degnamente questa tanto amata rubrica (almeno per ora). Per una volta vi chiedo di leggere e non di guardare… Poi nei prossimi giorni vi sottoporrò a una scelta: dopotutto è il pubblico sovrano che sceglie nei talent.

Buona lettura!

E adesso? Ecco un altro schiaffo. Lo schermo del computer riflette sul suo volto parole scritte da altri mentre se ne stanno chissadove: sono vive, quelle parole. O almeno parlano di vita, di vite vissute e non passate a lasciarsi vivere. Non doveva essere così: aveva letto che il mondo virtuale è finto, per questo ci si è avventurato. E invece cosa scopre? Che dietro alla finzione più o meno esagerata c’è la realtà, che dietro agli pseudonimi ci sono persone vere, che prima o poi finiscono col chiederti di scoprirti, di lasciarti andare. Come nella realtà, se non ti lasci andare non puoi pretendere di mantenere a lungo dei rapporti con gli altri. Insomma, e adesso?

Angela chiede foto. A tutti i maschi disposti a mandargliele. Niente di terribile, niente di indecente, chiede solo foto a torso nudo da contrapporre idealmente a quelle dei maschi dal fisico perfetto, davanti ai quali sbavano tutte le donne di questo mondo. Si guarda la panza. Come contrapposizione ai fisici perfetti è adattissima, se non fosse per… Sospira e poi sbuffa. Guarda di nuovo lo schermo, e quella foto: Isengrino è stato il primo ad accettare, eccolo lì appoggiato a una zappa, e non sarà certo l’ultimo, d’altronde ci sono pochi argomenti per rifiutare quell’iniziativa goliardica. Rifiutando si passa per antipatici, seriosi, anche un po’ vigliacchi; si chiede cosa penseranno di lui adesso. Ma non ha scelta, l’alternativa è ritoccare la foto al computer; sarebbe sleale, d’accordo, ma è un problema che nemmeno si pone, non sa come si faccia, tantomeno lo sa Madre, e naturalmente non ci sono altre persone che potrebbero aiutarlo.

Sono le sette di sera, ancora troppo presto per uscire. Decide di commentare l’iniziativa sul blog di Angela, un blog che parla di calcio da un punto di vista femminile e si chiama Tacchi e tacchetti (non vuole passare per presuntuoso e perciò non le ha mai detto che ha pensato a un nome secondo lui migliore: Colpo di tacco), il suo è un commento sincero ma che può sembrare scherzoso o volutamente esagerato: digita “Io non esisto, perciò niente foto”. Solo due persone sanno della sua esistenza, Madre e Padre, e una delle due ne è spaventata: Padre continua a mantenerlo tramite un puntuale bonifico mensile (è socio di un prestigioso studio legale), ma da quando se n’è andato non è più tornato a trovarlo, e quell’unica volta in cui lui ha preso il telefono di Madre e l’ha chiamato, appena ha capito chi era ha riattaccato.
Continua a leggere

Gnocchi del giovedì… nostrani #Gintoki

La Marvel ha svelato il suo nuovo personaggio e già le major cinematografiche se lo contendono a suon di milioni per un nuovo film, ma lui per l’anteprima mondiale ha scelto questa, oramai celeberrima, rubrica. Come poteva essere altrimenti!
Un gatto con la spada (della roccia), il mantello quadrettato, le mutande (natalizie) rigorosamente sopra i pantaloni e l’immancabile torso nudo. Supereroi dalle tutine attillate e dai poteri discutibili è tempo di andare in pensione… è arrivato il SuperGnocco blogger Gintoki!

DSCN0010

Aggiungere altro su questa foto è superfluo: va contemplata e ammirata per il suo splendore, la sua figaggine e la sua originalità. Buttando, perché no, un occhio all’albero di natale (vediamo chi lo individua) e al pacco vicino (più facile da notare). Chissà, se di Super avrà solo i poteri… ma soprattutto quali saranno questi poteri?!
Comunque, non si poteva concludere (per il momento) nel modo migliore!

 

 

*Vi comunico, a malincuore, che questa è l’ultima foto che mi è arrivata. Non ce ne sono altre da pubblicare, quindi le alternative sono due: o la rubrica chiude o qualche altro blogger manda le foto. Diciamo che, per il calendario ne occorre soltanto una. Quindi blogger che leggete e non avete ancora partecipato mettetevi una mano sulla coscienza e l’altra sulla pancia e scattatevi una foto!

Gnocchi del giovedì… nostrani #Niphus

Siamo all’ultimo mese d’estate e c’è chi il sole non l’ha ancora visto. O forse, non lo aveva ancora visto quando ha scattato la foto. Fatto sta che in tutto il suo splendore minimal, vi presento lo gnocco di oggi: Niphus.

Finalmente, possiamo dirlo a gran voce, un po’ di panza genuina, che rappresenta il vero spirito di questa rubrica. Da notare anche la collana, che fa tanto camionista rumeno, ma che dà anche quel tocco di eleganza genuina e ruspante all’intera opera. Per un uomo che va dritto all’obbiettivo…

Un’opera nel complesso minimal, ma sicuramente efficace, niente fronzoli e accessori: qui il vero protagonista è lui, il misterioso Niphus, che per l’occasione rivela una parte di se.

Gnocchi del giovedì… nostrani #GigiFaggella

“Mare profumo di mare… con l’amore io voglio giocare…”. Direttamente da Love Boat è sbarcato, in questo caldo giovedì d’agosto, lo gnocco blogger: GigiFaggella.
Tatuato più di un calciatore tatuato, fisico più asciutto di un lago nel Sahara: il marinaio – guardiano del faro non poteva mancare in questa scoppiettante rubrica. Tra l’altro, con tanto di cornice che fa molto foto per la lapide…

Guardiano faro

Altro che Richard Gere in “Ufficiale gentiluomo”: è lui il sogno erotico di molte donne, è lui il rappresentante supremo del famoso “fascino della divisa”, anche se qui di divisa c’è ben poco.
Chi non vorrebbe partite con lui su una barca e veleggiare verso l’infinito? Io, ad esempio… ma solo perché in acqua mi si arriccerebbe la frangia…

Al motto di: “meglio un giorno da leone che 100 a pecora” – che poi dipende dai punti di vista – se volete, un giro sul suo faro ve lo fa fare sicuramente.

*La settimana prossima la rubrica va in vacanza, ma ritornerà dopo ferragosto, sempre con un super gnocco.