Gnocchi del giovedì… nostrani #Carlo Galli

Ha detto di no a Vogue e GQ. Vanity Fair lo voleva in copertina. Ma orami questa rubrica fa più tendenza e per questo ha scelto di apparire qui in esclusiva: lo gnocco di questa settimana è il poetico Carlo Galli. Che con un selfie e una posa decisamente da gnocco, mostra al mondo tutta la sua figaggine, ma soprattutto la sua poesia…

IMG-20150711-WA0003

Quando Justin Bieber e Gianni Morandi vedranno questo selfie, capiranno che hanno ancora molto da imparare

In redazione (cioè a me) sono arrivate diverse foto, perché l’artista era indeciso, ed è stato un duro lavoro scegliere quale pubblicare. Ma io non mi sono tirata in dietro: ho guardato, esaminato… ma s’intende, l’ho fatto solo per voi! Qualcuno, questo lavoraccio doveva pur farlo…

E io che ho sempre pensato che i poeti avessero il nasone, la gobba e una costola in meno: qui il naso non è male, la gobba non c’è e le costole mi sembra ci siano tutte! Oh, poi se avete dubbi… potrei pure controllare…

Ck mette Justin Bieber in mutande… ecco la prima delusione del 2015

Oggi sono venuta a conoscenza di una notizia che mi ha sconvolto… non ci potevo credere! Il Milan che perde in casa col Sassuolo? No. La presenza inutile degli arbitri di porta? Acqua. Il Parma che finalmente ha vinto una partita? Non è nemmeno questo…

La notizia sconvolgente è che Justin Bieber è il nuovo testimonial di Calvin Klein! Il bimbominkia per eccellenza fa il super modello di biancheria intima maschile tutto muscoli e tatuaggi… Ma va laaaa! Sarebbe stato più credibile Carlo Ancelotti con la Champions League a coprirgli il pacco.

justin_bieberBenché, ho sempre trovato tamarre le mutande di Calvin, soprattutto se portate in bellavista, quando usciva la nuova campagna pubblicitaria era sempre una festa per gli occhi femminili. Un’impennata di ormoni ai massimi livelli. Basta ricordarsi (e chi se li scorda): Mark Wahlberg, Fernando Verdasco, Kellan Lutz, Mehcad Brooks, Jamie Dornan e persino il calciatore giapponese Hidetoshi Nakata aveva il suo perché… ma Justin Bieber noooo dài! Continua a leggere