Viva l’Italia (non quella del calcio)

image

Bruno Neri, il calciatore partigiano.
Giocatore del Faenza, Livorno, Fiorentina, Lucchese e Torino, venne convocato nella Nazionale di Pozzo nel 1936.
Rifiutò il fascismo e lo dimostrò anche  durante l’inaugurazione dello stadio di Firenze, fu l’unico a non rendere omaggio alle autorità facendo il saluto romano.
Si arruolò tra le fila della Resistenza partigiana e nel 1944 cadde durante uno scontro contro i nazisti nei pressi del l’Appennino tosco – romagnolo.