(n)Euro 2016 – Quando scaccolarsi non basta (#26)

In attesa della finale di domani, beccatevi Germania-Francia… come non l’avete mai letta!

Do As I Say, Not As I Do

In memoria dei bei tempi (brasiliani) andati, per Germania-Francia si torna alla cara vecchia cronaca live in differita. In tv la Gialappa’s con il superospite Michael, il fastidiosissimo Collovati e belle figliuole a caso.
I grandi dilemmi di giornata sono: 1) chi vincerà la partita, 2) di conseguenza, chi vincerà l’europeo (perché il Portogallo non conta, suvvia), ma soprattutto 3) dove si metterà le dita il ct tedesco Löw. Si accettanno scommesse.

CmyJjBBXgAA0TUC.jpg large Si parte alla grande – questa la mise di Michael.

La partita non è ancora iniziata e Collovati s’è già offeso. Alla grande.

0′ – Si parte.

3′ – I tedeschi sono senza Gomez, Khedira e – per la disperazione delle pulzelle allo stadio e davanti alla tv – Hummels.

5′ – In compenso gioca quel bimbominchia di Kimmich, per gli amici il Justin Bieber di Norimberga.

6′ – Löw beccato a scaccolarsi. E uno.

7′ – GRIEZMANN!…

View original post 1.498 altre parole

Annunci

10 pensieri su “(n)Euro 2016 – Quando scaccolarsi non basta (#26)

  1. Alla fine ha vinto il culo! 🙂 però devo dire che seppure non ho visto la finale due cose belle sono accadute: vedere Ronaldo piangere infortunato(alla fine gli accidenti che gli ho mandato sono arrivati :-P)sperando che non si rimetta troppo presto; e non vedere quella faccia di bronzo del francesino che inizia con la G fare quella specie di balletto con la testa(davvero odioso). Per il resto europei falsati dal nuovo regolamento con un Portogallo campione solo perché ripescato. Per me questi europei li hanno vinti Galles ed Islanda! 🙂 almeno loro si sono qualificati onestamente agli ottavi, una arrivando prima, l’altra seconda.

  2. Andrò controcorrente, mi inimecherò il mondo, ma io credo sia ora di scrivere la verità: il sandalo piange se non ha il calzino ad accompagnarlo. Scalzi vadano i monaci, un signore della società non dovrebbe mai camminare con piedi svestiti.
    Il calzino è ciò che differenzia un uomo da una bestia. Una donna non dovrebbe mai accettare un uomo che prima dell’amore non indossi un paio di calzini: bianchi per i tradizionalisti, ma anche colorati o fantasia per i più estrosi. Non è solo estetica, ma anche sostanza.
    Il superfluo apre le porte del paradiso!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...